sabato 4 aprile 2020

L’importanza delle parole

C'è un detto indiano che recita: solo due cose non si possono recuperare in caso di errore: le frecce e le parole dette

Il modo più efficace per generare negli altri cambiamenti significativi e duraturi è quello di cambiare le loro parole ed in questo ci può aiutare il linguaggio positivo, ovvero definire con precisione ciò che si vuol dire, in modo che nel cervello (sia il tuo che in quello che ti ascolta) si formino delle immagini ben definite.

Il nostro cervello, per ogni parola che si pronuncia la collega ad un’immagine, via regia per accedere al modus operandi del nostro organo, grazie anche al fatto che esso si muove solo verso direzioni precise e quando ha un preciso obiettivo da raggiungere. Quindi, un linguaggio che definisce chiaramente l’obiettivo che si vuol raggiungere, aumenta la probabilità che gli altri siano più propensi a fare quello che chiedi.

Al linguaggio positivo va sempre associato quello proattivo, segui questo esempio:

Linguaggio positivo: Scendi dal divano!

Linguaggio positivo e proattivo: Vai nella tua stanza e sistema le cose che sono in disordine!

Il linguaggio positivo e proattivo crea, nel cervello di chi ti ascolta, una immagine ben definita (divano) e lo aiuta a muoversi in una determinata direzione (stanza da riordinare).

Le parole hanno un peso e spesso quel che scambiamo per “resistenza”, spesso è solo mancanza di chiarezza da parte nostra.

Dott. Giuseppe Russo

Teknè Sicurezza e Formazione sul Lavoro s.r.l. ©2005-2021
Piazza Ragusa 60, 00182 Roma — Tel: 06.7029563

Iscrizione Registro Imprese RM-912378/1999 - Capitale sociale: € 80.000,00 i.v. - P. IVA e C.F. 05683131006